È in arrivo l’elettrica che paga da sola.

Link Sponsorizzati:

car ewallet

Parallelamente alla vettura a guida autonoma, sta nascendo la macchina che “paga” da sola, o per meglio dire, una sorta di portafogli elettronico collocato all’interno di un’automobile. L’idea è partita recentemente da una multinazionale della componentistica come ZF, un’ istituto di credito come UBS e un ente di advising, ovvero la Innology, mediante il suo laboratorio scientifico Innology Innovation Hub.

Il piano si basa nello sviluppare una Car eWallet: una vettura elettrica, capace di amministrare da sola tutte le transazioni monetarie che la riguardano, come ad esempio, saldare parcheggi, pedaggi e, chiaramente, ricariche di energia.

Esattamente come accade con un qualunque portafogli, anche la Car eWallet necessita di essere prima “riempita” con dei soldi. Il funzionamento è paragonabile a quello delle carte prepagate e si attua, logicamente, mediante l’utilizzo di un’applicazione per smartphone. La transazione avviene poi in modo automatico e permetterà sia al pagante che al pagato, di ricevere un messaggio di notifica che comunica l’avvenuta transazione. Le transazioni sono permesse dal congegno della “blockchain”, ossia un archivio elettronico distribuito in rete che impiega la cosiddetta tecnologia peer-to-peer.

In sostanza, altro non è che una sorta di book contabile a cui tutti i “nodi” possono accedere e dentro cui sono archiviate tutte le transazioni rese fattibili dal consenso del 50%+1 dei nodi. Un criterio di verifica aperto che non necessita dell’autorizzazione degli istituti di credito per compiere transazioni. Adoperando questo sistema che, viene d’altronde impiegato anche negli scambi di bitcoin, non sarebbero doverose nuove identificazioni. Per esempio, per servirsi delle stazioni di ricarica delle vetture elettriche sarebbe sufficiente semplicemente associarsi alla stazione, poi quando la carica è si è conclusa si stacca la presa e il conto viene automaticamente defalcato dal portafogli della vettura.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota 5 STELLE!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento